Villa Taranto, Pallanza

Villa Taranto è una di quei luoghi che ognuno di noi dovrebbe visitare almeno una volta nella vita. Non solo per la notorietà di cui gode in tutto il mondo, quanto per l’esaltante bellezza che rivela una perfetta interazione tra uomo e natura. L’aspetto odierno del giardino di Villa Taranto è il risultato, plasmato nel tempo di una laboriosa elaborazione intrapresa dal Capitano Mc Eacharn nel 1931. Visitare questo luogo è come compiere un viaggio attraverso paesi lontani, sperimentando profumi e colori diversi. Già all’ingresso, dopo aver superato l’edificio dell’ex portineria, ora adibito a sala espositiva, dove sono esposti preziosi e delicati “quadri naturali”.L’Erbarium Britannicum del Capitano Neil Mc Eacharn, si arriva al viale, denominato “Viale delle Conifere”. Procedendo nel percorso ecco comparire La Fontana dei Putti, così chiamata per le sculture che l’adornano. In primavera la fontana è contornata da fioriture multicolore tra le quali si ammirano le Viole Cornuta e le Primule Obconica. D’estate la stessa fontana è “avvolta” dalle gigantesche foglie della Colocasia antiquorumchiamata con definizione pittoresca “orecchia d’elefante”. Una magia per gli occhi è senza dubbio il Labirinto delle Dahlie, dove tutto l’anno splendide fioriture di offrono agli occhi dei visitatori. Molte piante esotiche sono ospitate nelle serre, mentre lo splendore mediterraneo prende forma nei giardini terrazzati. Sarebbe lunghissimo descrivere tutto ciò che si può ammirare, vi lasciamo perciò alle immagini, suggerendovi una visita al più presto.

Villa Taranto Pallanza

Villa Taranto is one of those places everyone should visit at least once in their lifetime. Not only for the reputation it enjoys in the world, but for the uplifting beauty that reveals a perfect interaction between man and nature. The current look of the garden in Villa Taranto is the result, molded over time, of an amazing work undertaken by Captain Mc Eacharn in 1931. Visiting this place is like a journey through distant countries, an experimentation with scents and colors. At the entrance, after going past the building of the former porter, now in use as an exhibition hall, there is an alluring display of precious and delicate “natural pictures” , the Erbarium Britannicum of Captain Neil Mc Eacharn, and after that there is what is called the ” Avenue of conifers “. Proceeding down the path you will find the Putti Fountain, named for the sculptures that adorn it. In spring, the fountain is surrounded by multicolored blooms among which you can admire the Horned violets and Obconica primroses. In summer the same fountain is “wrapped” by the giant leaves of Colocasia anti quorum called the “elephant ear”. The Labyrinth of dahlia is something truly magic, where throughout the year visitors can admire the splendid blooms. Many exotic plants are housed in the greenhouses, while the Mediterranean splendor takes shape in the terraced gardens. It would be long to describe all that can be seen, therefore, here are some pictures, which will undoubtedly make you want to come to visit.

Villa Taranto Pallanza

villa taranto pallanza lago maggiore 2_SCENARI SRL - ANDREA LAZZARINI EDITORE - STRESA (VB)_0

Villa Taranto Pallanza

Villa Taranto Pallanza 

(Visited 72 times, 1 visits today)
You may also want to read this post:  Un week end a Portofino









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi