Fuori Salone 2016: Ingo Maurer, lampade tra sogno e realtà

Le lampade di Ingo Maurer nascono dai sogni. I sogni che aveva da piccolo, come quello di essere parte di un circo. O dal gioco: Maurer gioca moltissimo con le forme, l’equilibrio, la commistione di oggetti apparentemente diversi e inconciliabili. La stessa mostra a cui siamo andati in occasione del Fuorisalone, è allestita in uno spazio fuori dal tempo, che mescola antico e moderno, sacro e profano. Ci troviamo nella chiesa di San Paolo Converso in piazza San’Eufemia, in quella che è la sede di CLS, uno studio di architettura che quest’anno ha prestato il suo spazio per un omaggio a questo artista dell’illuminotecnica che non smette mai di stupire. Sublime è ciò che desta stupore. La percezione di qualcosa di conturbante, “contro natura” ci affascina. Nelle lampade di Maurer percepiamo che c’è qualcosa di insolito, ma è proprio questo che ci cattura. A volte le idee più innovative nascono dalle cose semplici. Ingo Maurer parte dalla lampadina, dal bulbo nudo e crudo, e crea lampade che sono vere e proprie opere d’arte, capolavori di tecnica e di design.

Forse il lavoro di Maurer si può riassumere con una semplice frase: “What we do counts”.

You may also want to read this post:  Salone del Mobile 2015: una libreria materica e sinuosa

Ingo Maurer Fuori salone 2016

Ingo Maurer’s are born of dreams. The dreams you had as a child, like running away to be part of a circus. So let’s talk about this game he plays: Maurer works with lots of shapes, balance, mixing apparently different and irreconcilable objects. The exhibition that was held for the Fuorisalone is set in a timeless space, which blends modern and ancient elements, sacred and profane. It’s held in the church of San Paolo Converso in San’Eufemia square, where is also the headquarters of CLS, an architectural studio which last year gave up it’s space for a tribute to Maurer himself. His sublime lamps give off an unusual aura, yet still in within our grasp. Sometimes the most innovative of ideas come from the most basic. Ingo Maurer has taken the light bulb, stark and blank, and has created a real work of art.  

Perhaps Maurer’s work can be summerized with this simple phrase: “What counts is what we do.”

Ingo Maurer Fuori salone 2016

Ingo Maurer fuori salone 2016

Flatterby Ingo Maurer

Flatterby Ingo Maurer

Ru Ku Ku Ingo Maurer

Fuori salone 2016 Ingo Maurer

Ingo Maurer fuori salone 2016

Uovo Ingo Maurer

1000 Karat Ingo Maurer

Flying Flames Ingo Maurer

 Porca Miseria Ingo Maurer

Disney Ingo Maurer

What we do counts Ingo Maurer

Foto: Angelisa Balzani per inthemoodfordesign

(Visited 279 times, 1 visits today)









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi