Design Talks #2: Michela Sasanelli, una florist designer giramondo Composizioni eteree e viaggi in posti meravigliosi, una bella dose di ispirazione tra fiori ed energia

Per la seconda edizione di #designtalks abbiamo scelto una florist designer vagabonda e vitaminica. Ci parla da Londra, sua attuale casa, con l’aria piena di una serenissima stanchezza e tanta voglia di raccontarsi. E’ qui che Michela Sasanelli ha concluso uno dei suoi progetti più recenti: le composizioni floreali per la serata di lancio della collaborazione dell’anno ERDEM for H&M . Proprio dalla moda è cominciata la sua avventura: dopo gli studi umanistici a Milano, e un erasmus a Reykjavik, si trasferisce a Londra per studiare presso il Central Saint Martin College. La vita d’ufficio le va stretta, e non stentiamo a crederci vista la sua incontenibile energia che l’ha portata verso una strada molto più verde e rigogliosa, un po’ come il giardino dei genitori (per cui ha preparato le decorazioni floreali del matrimonio btw).

Altre tappe del suo percorso? Sud Africa, San Francisco e l’aspra natura del deserto californiano a Joshua Tree. I contatti con il fashion sono costanti attraverso le collaborazioni per Luisa Beccaria, Selfridges, Louis Vuitton ed H&M, a questi si sono aggiunti workshop che tiene a Londra e lezioni di yoga. Need more inspiration? La sveglia suona all’alba perchè covent garden “fornitissimo!” non aspetta e , nonostante la fatica, le mani 24/7 in acqua, il freddo dei vivai “non potrei mai togliere le mani dai fiori! “.

Stacanovista, un mazzo di ranuncoli alla volta.

For the second edition of #designtalks we chose a vagabond and vitamin florist designer. He speaks to us from London, his current home, with an air full of serenity and a great desire to talk to us. It is here that Michela Sasanelli has completed one of her most recent projects: the flower arrangements for the launch event of the ERDEM for H & M collaboration. His adventures started from fashion: after doing his basic studies in Milan, and an erasmus in Reykjavik, he moved to London to study at Central Saint Martin College. The office life is tight, and we can hardly believe it because of its uncontrollable energy that has led to a much greener and lush street, a bit like the parents’ garden (for which he prepared the floral decorations of the wedding btw).

You may also want to read this post:  Design Talks #7: Le reminiscenze classiche di Davide Aquini

Other stages of his journey? South Africa, San Francisco and the harsh nature of the Californian desert at Joshua Tree. The contacts with the fashion industry are constant through collaborations with Luisa Beccaria, Selfridges, Louis Vuitton and H & M, to these were added workshops and yoga classes and yes, she is the teacher. Need more inspiration? The alarm rings at dawn because covent garden “fornitissimo!” does not wait and, despite the tiredness, the hands 24/7 in the water, the cold of the nurseries “I could never take my hands off the flowers! “.

Workaholic, a bunch of buttercups at a time.

(Visited 205 times, 1 visits today)










Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi