Taste the beauty: Saigon, un angolo di Vietnam a Milano

Andare in vacanza solo qualche ora è possibile anche senza dover prendere un aereo. Ci troviamo a Milano anche se non si direbbe. Un locale moderno che che ci porta a 9700 km di distanza muovendo un solo passo oltre la porta principale. Un ingresso relativamente modesto incorniciato da due lunghi nastri di vegetazione pensile con una ampia vetrata e porta in ferro nero con un sentore industriale, pur trovandoci in una zona residenziale poco distante dal centro storico di Milano. Avendo varcato questa soglia ci troviamo in un locale molto accogliente e caldo, con un pavimento in parquet squisitamente lavorato e un arredamento sui toni del color mattone. Un grande banano, tipico dei climi tropicali e subtropicali, troneggia lussureggiante affianco al bar. Per la sala sparse svariate orchidee e qualche palma qua e là, giusto per valorizzare l’idea del clima tropicale riproposto in questo stabile. L’illuminazione è prevalentemente a luce calda, se non molto calda data dalle candele che decorano l’intero ristorante. Le ampie pareti libere in cemento non lavorato, in contrapposizione con i pilastri in mattone a vista, lasciano correre l’occhio in giro per tutto il locale, per poter notare i dettagli dell’arredamento, come le ventole da soffitto in legno piegato a caldo, o i piccoli contenitori e scatolette in legno tipiche sparse per il locale o ancora i quadri o le lampade particolari che danno al cliente qualcosa di cui parlare. Un’esperienza a tutto tondo in un locale chic e accogliente

Going on vacation just a few hours is possible even without having to take a plane. We are in Milan even if we do not think so. A modern place that takes us 9700 km away moving only one step beyond the main door. A relatively modest entrance framed by two long strips of hanging vegetation with a large window and door in black iron with an industrial hint, even if we find ourselves in a residential area not far from the historic center of Milan. Having crossed this threshold we find ourselves in a very cozy and warm room, with an exquisitely worked parquet floor and furniture in shades of brick color. A large banana tree, typical of tropical and subtropical climates, dominates luxuriantly next to the bar. For the room there are many orchids and a few palm trees here and there, just to enhance the idea of ​​the tropical climate presented in this building. The lighting is mainly in warm light, if not very hot, given by the candles that decorate the entire restaurant. The large open walls in unworked concrete, as opposed to the visible brick pillars, let the eye run around the room, to see the details of the furniture, such as the ceiling fan in hot bent wood , or small containers and wooden boxes typical of the local area or even the paintings or special lamps that give the customer something to talk about. An all-round experience in a chic and welcoming place

You may also want to read this post:  Sneak Peek collection #5: il palazzo milanese di De Cotiis

Source: saigonmilano

(Visited 50 times, 1 visits today)









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi