FuoriSalone 2019: Brera Design District

Il Fuorisalone è cominciato, e noi ne abbiamo voluto approfittare al più presto. Le scelte per dove andare in giro per Milano sono tante, tra cui  Lambrate, Centrale, Porta Venezia, via Tortona…o nel nostro caso ci siamo diretti nel cuore del design Milanese. Siamo andati a Brera, nel Brera Design District, dove, tra le vie, vi è un tumulto di vita e colori, con ristoranti pieni e negozi aperti. Vetrine da ammirare e luoghi da visitare. Tra tutto ciò che sta prendendo vita in questa area, siamo riusciti a trovare un paio di cose interessanti da mostrarvi.

Come per esempio questa cucina. Un marchio Belga nuovo, freschissimo, che realizza design originali, moderni, accattivanti, che vano incontro a una società che ha sempre più il bisogno di organizzare spazi compatti. CUBE è il nome scelto per questa cucina di design. Un effettivo cubo, che però al suo interno tiene tutto ciò che serve per mangiare, bere o cucinare. Che sia per un patio, per una cucina moderna, o per un ufficio, questa cucina compatta ma dotata di tutto sarà sicuramente qualcosa degno di nota. Accompagnata da un sistema di stoccaggio per vino o per la nostra macchina del caffè preferita.

The Fuori Salone has begun, and we wanted to take advantage of this as soon as possible. The choices for where to go in Milan are many, among which are Lambrate, Centrale, Porta Venezia, Via Tortona…or in our case we are directly in the heart of Milanese design. We went to Brera, in the Brera Design District, where, between the streets, there is a hubbub of life and colors, with full restaurants and open stores. Shop windows to admire and places to visit. Among all of the liveliness in this area, we succeeded in finding a a couple of interesting things to show you. Like for example this kitchen. A new Belgian brand, very fresh, that creates original, modern, eye-catching designs, that are found in a society that always has the need to organize compact spaces. CUBE is the name chosen for this design kitchen. An actual cube which, however in its interior has all that you need to eat, drink or cook. Whether it’s for a patio, for a modern kitchen, or for an office, this compact but fully equipped kitchen will surely be something noteworthy. Accompanied by a storage system for wine or for our favorite coffee machine.

Il secondo posto che abbiamo scovato era quasi nascosto in un garage di via Palermo con un ingresso scuro decorato da fiori secchi. Entrando abbiamo trovato un allestimento molto interessante.  Portata in Italia da Londra, questa collezione del marchio Made in Ratio, fondato da Brodie Neill, si fonda nel legno, si, ma nell’accostamento di un design contemporaneo e di un progetto dalle linee fluide scandite dalle nuove tecnologie di modellazione.

You may also want to read this post:  Fuorisalone 2019: Via Tortona e tappa al BASE

The second spot that we unearthed was almost hidden in a garage on Via Palermo with a dark entrance decorated with dried flowers. Upon entering we found a very interesting installation. Taken to Italy from London, this collection of the brand made in Ration, founded by Brodie Neill, is based on wood, but in the combination of a contemporary design and a project of fluid lines marked by new modeling technologies.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Linee morbide, come a richiamare i movimenti della natura, come il tavolino che vediamo qua sotto, con un piano in granito e delle gambe molto sottili che si comportano quasi come rami per reggere il piano.

Soft lines, in order to recall the movements of nature, like the table that we see here below, with a granite top and very thin legs that behave almost like branches to hold the top.

Come ultima curiosità di oggi abbiamo due collezioni presentate a Spazio CEDIT, due collezioni di ceramica.

Gli artisti sono due, Federico Pepe e Cristina Celestino, che con due idee diverse e molto contrastanti, ci presentano questi enormi pannelli in ceramica, cotti in forni speciali, con colorazioni da lasciare a bocca aperta. Le due collezioni si chiamano Policroma e Araldica; La prima accosta classicità e modernità con pannelli marmorei accostati a blocchi di colore in marmorino, decorati con archi a tutto sesto, la seconda invece gioca sul contrasto della rigidità del marmo contro la sinuosità dei disegni delle carte marmorizzate. Chiudiamo questa giornata qui, ma il fuoriSalone continua, e noi continueremo a visitarlo e a tenervi aggiornati. A voi lo spettacolo di colori di questa collezione di ceramica.

As today’s last curiosity we have two collections presented at Spazio CEDIT, two collections of ceramics. There are two artists, Federico Pepe and Cristina Celestino, that with two different and very contrasting ideas, present us these enormous panels in ceramic, baked in special ovens, with jaw-dropping color. The two collections are called Policroma and Araldica; the first combines classicism and modernity with marble panels matched with blocks of Marmorino color, decorated with round arches, the second instead plays with the contrast of the rigidity of the marble against the sinuosity of marbled paper designs. The day comes to a close here, but the Fuorisalone continues, and we will continue to visit it and keep you updated. For you, the spectacle of color of this ceramic collection.

sdr

 

(Visited 76 times, 1 visits today)









Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi