Il rifugio di un architetto

Essere sintetici parlando di Vincent van Duysen non è certo facile. Il suo lavoro di architetto e designer, in oltre un trentennio lo ha reso famoso in tutto il mondo e i suoi progetti hanno un’eleganza e un fascino scarno, ma pieno di significato, che li rende immediatamente riconoscibili. Oggi andiamo a fare un tour nella suo rifugio nel cuore di Anversa. Si tratta del sottotetto di un antico palazzo, che è anche la sede del suo studio e la sua abitazione, che l’architetto ha reso speciale con pochi sapienti tocchi. Tutto gira attorno alla bellezza e al fascino della struttura esistente e Van Duysen lo ha enfatizzato con un tocco leggero e con la scelta di soluzioni e materiali che sembrano essere sempre appartenuti a questo spazio. Gli arredi sono un mix di pezzi di antiquariato di Axel Vervoordt e arredi disegnati da VWD, lo studio di progettazione dello stesso Van Duysen.  La grande finestra in vetro e ferro, che ha sostituito le piccole aperture esistenti si apre a Nord e si affaccia sulla  chiesa Sint-Joris e diventa un quadro dove la luce dipinge con le sue pennellate uno straordinario scenario in continuo cambiamento. Van Duysen ha il raro dono di far sembrare tutto naturale e di arrivare all’essenza della bellezza con grande schiettezza.

Attico di Vincent van Duysen

Being concise when talking about Vincent van Duysen certainly isn’t easy. His work as an architect and designer over thirty years has made him famous all over the world; and his designs have an elegance and discreet charm but are also full of meaning, making his designs immediately identifiable. Today we are going to take a tour of his retreat in the heart of Antwerp. This is the attic of an old building, as well as his office and his home, which the architect has made special with a few skillful touches. Everything revolves around the beauty and the appeal of the original structure, and Van Duysen has emphasized this with a light touch and by choosing materials and solutions that seem to have always belonged to the space. The furniture is a mix of antique piece by Axel Vervoordt and other furniture pieces designed by VWD, Van Duysen’s own design studio. The large glass and iron window, which has replaced the small original openings, faces north and looks out over Saint Joris Church, becoming a canvas on which strokes of light paint an extraordinary, ever-changing landscape. Van Duysen has the rare gift of being able to make everything seem natural and to reach the essence of beauty with great candor.

You may also want to read this post:  Un interno nomade a Berlino

Il rifugio di un arichietteto

Vincet Van Duysen Attic 2

Vincet Van Duysen Attic 1

Vincet Van Duysen Attic bathroom

 

Fonte: elledecor.it

Foto: Kasia Gatkowska

(Visited 357 times, 1 visits today)










Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi